Garbo Gas


Vai ai contenuti

Energie Rinnovabili

Servizi

In generale l’ applicazione della tecnologia fotovoltaica consente :

  • Produzione di energia elettrica senza alcuna emissione di sostanze inquinanti
  • Risparmio di combustibile fossile
  • Nessun inquinamento acustico
  • Ritorno economico molto vantaggioso sull’ investimento
  • Soluzioni di progettazione del sistema compatibile con le esigenze di tutela ambientale o architettonica



IMPIANTO PROPOSTO
Il generatore fotovoltaico è composto complessivamente da moduli in silicio policristallino, monocristallino od amorfo ed uno o più inverter.
Le stringhe verranno collegate all’inverter di impianto che provvederà alla conversione dell’energia elettrica prodotta da continua ad alternata al fine di renderla disponibile per l’utenza finale.

RESA DELL’IMPIANTO IN BASE AL POSIZIONAMENTO

LA RADIAZIONE SOLARE IN ITALIA
L’energia elettrica producibile in un anno da un impianto fotovoltaico della potenza di 1 kWp è influenzata dalla località d’installazione e dall’inclinazione dei moduli rispetto all’orizzontale.
Il posizionamento del modulo verso sud con inclinazione a 30° è considerata la situazione ottimale, rispetto alla quale si ha la massima producibilità dell’impianto.


IL CONTO ENERGIA 2011
Il Conto Energia è il nome comune assunto dal programma europeo di incentivazione per la produzione di elettricità mediante impianti fotovoltaici permanentemente connessi alla rete elettrica.
IIl decreto prevede che possano beneficiare delle tariffe incentivanti
gli impianti che entrano in esercizio a seguito di interventi di nuova
costruzione, rifacimento totale o potenziamento e che appartengano a
4 categorie:

  • Impianti solari fotovoltaici
  • Impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche
  • innovative
  • Impianti a concentrazione
  • Impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica

Per ogni categoria è previsto un tetto massimo di potenza incentivabile.
Il GSE provvederà a comunicare sul proprio sito internet la data di
raggiungimento di tali limiti.
Saranno ammessi inoltre all’incentivazione gli impianti che entreranno in
esercizio entro i 14 mesi successivi a tale data (24 mesi se il soggetto
responsabile è un ente pubblico).
I trattamenti economici previsti dal Decreto Ministeriale 6 Agosto 2010
tengono conto della tipologia delle iniziative e della attesa evoluzione dei
costi.





Al ricavo derivante dal riconoscimento della tariffa incentivante, l’utente che investe nella realizzazione di un impianto fotovoltaico deve sommare il risparmio effettivo sulla bolletta: al termine dei 20 anni in cui godrà dell’erogazione degli incentivi, l’utente continuerà ad immettere corrente nella rete e a prelevarla gratuitamente a seconda delle proprie esigenze, pagando eventualmente la sola parte di energia utilizzata e non prodotta.
Riepilogando, i vantaggi economici del progetto sono quindi costituiti dalla somma dei benefici economici del Conto Energia e dal risparmio derivante dall’autoproduzione della corrente.

Clicca qui per scaricare l'intero Decreto Ministeriale IV Conto Energia


Torna ai contenuti | Torna al menu